Notizie e aggiornamenti

Post in evidenza

Termini di prescrizione cartelle esattoriali per Iva e Irpef. Attenti alla BUFALA!!!!

Cari amici si Studio Legale nel Sociale, oggi vi invitiamo a fare attenzione ad una bufala che sta circolando sul web. Riguarda i termini di prescrizione per le cartelle esattoriali inerenti IVA e IRPEF. Tutto nasce da una sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione dello scorso novembre (Cass. sent. n. 23397/16 del 17.11.2016), in realtà mal interpretata dai commentatori secondo i quali la Corte avrebbe stabilito che tutti i crediti erariali (ivi comprese quindi l’Irpef, l’Iva e l’Irap) si prescriverebbero nel termine breve di cinque anni e non già di dieci, come sino ad oggi ci è stato insegnato. Se così fosse, la sentenza avrebbe una portata travolgente su gran parte delle cartelle di p

Che diritti ha chi va al Pronto Soccorso?

Chi si rivolge al Pronto Soccorso viene visitato e curato a seconda dell’urgenza del proprio caso: l’ordine di arrivo non conta, quindi. Nel dettaglio, viene seguita una apposita procedura di accoglienza chiamata Triage: il paziente trova, al suo arrivo, un infermiere professionale che, dopo aver proceduto a raccogliere tutti i suoi dati, ne valuta accuratamente i sintomi e gli attribuisce un codice-colore, diverso a seconda del livello di gravità del suo problema. Sulla base di quel codice, si stabilisce con che priorità egli potrà accedere alle sale visita. Poiché, dunque, il Pronto Soccorso è un servizio dedicato alle urgenze e alle emergenze sanitarie, non bisogna abusarne. In questo art

Tassi di interesse nominale e rendimenti reali. Cosa sono? Qual è la differenza?

Cari amici di Studio Legale nel Sociale, vi proponiamo un chiarimento sul concetto di tassi di interesse nominali e reali. Spesso e volentieri ci capita di sentir parlare rendimenti reali, del denaro che abbiamo depositato in banca e/o di interessi nominali. Ecco a voi qualche chiarimento. Il tasso di interesse è il costo del credito o il rendimento del risparmio. Se un individuo assume un prestito da una banca, il tasso di interesse rappresenta il corrispettivo che egli versa. Se invece deposita i propri risparmi presso una banca, gli interessi sono il rendimento che ottiene. Gli economisti operano una distinzione tra tassi di interesse “nominali” e “reali”, ma qual è la differenza e perché

Riforma del Terzo Settore. Punti di forza e criticità.

Cari amici di Studio Legale nel Sociale, mettiamo in evidenza un interessante articolo di "Repubblica" che schematizza in modo molto sintetico alcuni aspetti della riforma del Terzo Settore e mette in evidenza alcuni punti di forza e di criticità Nelle organizzazioni non profit lo stipendio del dipendente più pagato non potrà essere più di sei volte superiore a quello del dipendente meno pagato, e saranno imposti dei limiti alle retribuzioni. Diventerà obbligatorio pubblicare il bilancio sociale sul sito internet (e quindi, giocoforza, averne uno), compresi tutti i compensi delle posizioni direttive. Chi riceve il cinque per mille dovrà inviare ogni anno all’Agenzia delle Entrate un rendicon

Io non dimentico

Oggi è la giornata del grande cordoglio e della poca memoria. Io però non dimentico. E invito voi tutti a non dimenticare che il vero responsabile delle stragi di uomini di giustizia coraggiosi, determinati, onesti è uno solo, ancora connivente, ancora impunito. Lo Stato. In mezzo a tanto blaterare impreciso vi segnalo la puntata odierna di "caro marziano" trasmissione di Pif che va in onda alle 20,30 su raitre (potete trovarla su rai.tv). A me piace ricordare le parole terribili di Ilda Boccassini. La memoria sia memoria delle cose esatte... altrimenti tanto meglio l' oblio. Grazie a Giovanni Falcone e a Paolo Borsellino gli eroi laici, armati di penna, libri e menti adamantine, che

Arrivano i contratti di lavoro On line. Ecco cosa sono

Cari amici di Studio Legale nel Sociale, alcune novità sono in arrivo nel settore della contrattualistica del lavoro, infatti, dopo una lunga fase di vuoto normativo dovuto all’abolizione dei voucher, arriveranno a breve delle nuove ipotesi di gestione del lavoro occasionale: la tipologia di gestione sarà diversa per le imprese e per le famiglie e prevedrà, per le prime, un tetto massimo, relativo al compenso, pari a 5.000 euro e, per le seconde, un tetto massimo che non dovrebbe superare i 2.500 euro annui. Questa tipologia di contratti, non dovrebbero però essere applicati alle aziende sopra i 5 dipendenti; inoltre, in base alle attuali proposte, non dovrebbe essere consentito l’uso di qu

Seminario su Terzo Settore e Nuovo Welfare. La riforma del Terzo Settore. Interviene l'On. Patri

Oggi in un'Aula del Dipartimento di Scienze Politiche dell'università degli Studi di Napoli si è svolta l'ultima giornata del seminario "Terzo Settore e Nuovo Welfare", organizzato dall'Associazione Studentesca di Scienze Politiche "ASU", in collaborazione col Dipartimento stesso. Un seminario ben strutturato e molto interessante attraverso il quale, attraverso una serie di incontri, si è cercato di mettere in risalto alcune questioni inerenti al tema del Terzo Settore e allo sviluppo de nostro sistema di welfare, soprattutto in questa fase storica di grande cambiamento generato proprio dalla recente riforma del Terzo Settore. A quasi un anno dalla legge delega n. 106 del 2016 si è discusso,

Seminario su Terzo Settore e Nuovo Welfare. La riforma del Terzo Settore. Interviene l'On. Patri

Oggi in un'Aula del Dipartimento di Scienze Politiche dell'università degli Studi di Napoli si è svolta l'ultima giornata del seminario "Terzo Settore e Nuovo Welfare", organizzato dall'Associazione Studentesca di Scienze Politiche "ASU", in collaborazione col Dipartimento stesso. Un seminario ben strutturato e molto interessante attraverso il quale, attraverso una serie di incontri, si è cercato di mettere in risalto alcune questioni inerenti al tema del Terzo Settore e allo sviluppo de nostro sistema di welfare, soprattutto in questa fase storica di grande cambiamento generato proprio dalla recente riforma del Terzo Settore. A quasi un anno dalla legge delega n. 106 del 2016 si è discusso,

Seminario "Terzo Settore e Nuovo Welfar". La Riforma del Terzo Settore.Ne parla l'On.

Oggi in un'Aula del Dipartimento di Scienze Politiche dell'università degli Studi di Napoli si è svolta l'ultima giornata del seminario "Terzo Settore e Nuovo Welfare", organizzato dall'Associazione Studentesca di Scienze Politiche "ASU", in collaborazione col Dipartimento stesso. Un seminario ben strutturato e molto interessante attraverso il quale, attraverso una serie di incontri, si è cercato di mettere in risalto alcune questioni inerenti al tema del Terzo Settore e allo sviluppo de nostro sistema di welfare, soprattutto in questa fase storica di grande cambiamento generato proprio dalla recente riforma del Terzo Settore. A quasi un anno dalla legge delega n. 106 del 2016 si è discusso,

Seminario su "La riforma del Terzo Settore. Attese, problematiche e prospettive"

L'ultima giornata del seminario "TERZO SETTORE E NUOVO WELFARE". Giornata dedicata al tema "LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, ATTESE, ATTESE, PROBLEMATICHE E ASPETTATIVE - organizzata " dall' ASU (Associazione Studenti Universitari di scienze Politiche) e dal Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Napoli FEDERICO II. Un'occasione da non perdere per chi vuole saperne di più sulla riforma del Welfare e la nuovissima normativa che disciplina il mondo del Terzo Settore. A chiarirci le idee, l'Onorevole Edoardo Patriarca (Componente XII Commissione Affari Sociali Camera dei deputati) insieme a Enrico Maria Borrelli (AMESCI), Marco Musella (Direttore del Dipartimento di Scien

Scattano gli interessi di mora per chi paga in ritardo un lavoratore autonomo.

Chi non paga subito la fattura a un lavoratore autonomo – ossia un titolare di Partita Iva – dovrà poi corrispondere degli interessi di mora più alti rispetto a qualsiasi altro debito. In particolare, il saggio è fissato all’8%. Ma ciò vale solo se il debitore è un’impresa o un imprenditore, una pubblica amministrazione, un professionista o un altro lavoratore autonomo. Per tutti gli altri debitori vale il tasso legale degli interessi che, attualmente, è allo 0,1%. A stabilirlo è la legge denominata Job Act degli autonomi, di recente approvata in via definitiva dal nostro Paese. Ma procediamo con ordine e vediamo come cambiano gli interessi ai lavoratori autonomi per mancato pagamento della

La responsabilità civile e tributaria delle Associazioni. Alcune precisazioni.

Cari amici di Studio Legale nel Sociale, oggi trattiamo un tema molto delicato che riguarda la responsabilità civile e tributaria delle Associazioni e dei loro rappresentanti legali. Domanda,. lecita e legittima, che in più occasioni ci è stata posta. Come prima cosa, è necessario fare la distinzione tra associazioni riconosciute e associazioni non riconosciute, atteso che, con particolare riguardo alla responsabilità civile e responsabilità tributaria– amministrativa, le conseguenze si differenzieranno proprio sulla base della titolarità o meno, in capo all’associazione, della personalità giuridica. Le operazioni poste in essere dagli enti non commerciali, nel corso della vita associativa,

La responsabilità civile e tributaria delle Associazioni. Alcune precisazioni.

Cari amici di Studio Legale nel Sociale, oggi trattiamo un tema molto delicato che riguarda la responsabilità civile e tributaria delle Associazioni e dei loro rappresentanti legali. Domanda,. lecita e legittima, che in più occasioni ci è stata posta. Come prima cosa, è necessario fare la distinzione tra associazioni riconosciute e associazioni non riconosciute, atteso che, con particolare riguardo alla responsabilità civile e responsabilità tributaria– amministrativa, le conseguenze si differenzieranno proprio sulla base della titolarità o meno, in capo all’associazione, della personalità giuridica. Le operazioni poste in essere dagli enti non commerciali, nel corso della vita associativa,

Canone Rai ingiustamente addebitato. Come chiedere il rimborso?

Il canone di abbonamento alla televisione è dovuto da chiunque abbia un apparecchio televisivo e si paga una sola volta all’anno e una sola volta a famiglia, a condizione che i familiari abbiano la residenza nella stessa abitazione. La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto il concetto di «presunzione di possesso» di un apparecchio televisivo per tutti gli intestatari di un contratto di fornitura elettrica. In parole povere, se si è titolari di un contratto energetico si presume anche il possesso di un televisore e che, quindi, si debba pagare il canone. Quindi non cambiano, anche per quest’anno, le modalità di addebito: nelle bollette della luce da gennaio a ottobre compariranno 10 rate rela

Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Instagram Social Icon

Associazione "Studio Legale nel Sociale" - C.F.   95178690632

Napoli : Via Foria 130 /  Via Kerbaker 86 

e.mail: studiolegalenelsociale@gmail.com 

pec: studiolegalenelsociale@pec.it

Cell. 3203119051 / Fax 1782736452